Arredorama | Il Bonus fiscale sull'acquisto di arredi
confermato anche per il 2015 il vincolo della “Riqualificazione del patrimonio immobiliare” (il c.d. “Bonus ristrutturazioni”, a sua volta agevolato dall’incentivo fiscale del 50%) come condizione indispensabile per ottenere il Bonus Mobili.
detrazioni, arredi, 31 dicembre, 2015, legge, decreto
15663
post-template-default,single,single-post,postid-15663,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Bonus Mobili

Bonus Mobili

La legge di stabilità per il 2015 ha prorogato per tutto il prossimo anno la detrazione IRPEF sull’acquisto degli arredi, pari al 50% della spesa sostenuta con un tetto massimo di 10.000€.

È quindi confermato anche per il 2015 il vincolo della “Riqualificazione del patrimonio immobiliare” (il c.d. “Bonus ristrutturazioni”, a sua volta agevolato dall’incentivo fiscale del 50%) come condizione indispensabile per ottenere il Bonus Mobili.
La Legge di Stabilità ha ribadito che non vi è relazione tra l’importo portato in detrazione per i lavori di recupero del patrimonio edilizio e l’importo portato in detrazione con il Bonus Mobili (fatto salvo il massimale di 10.000 euro già previsto).
In altre parole: l’importo portato in detrazione per l’acquisto di arredi, materassi, apparecchi di illuminazione può essere anche superiore all’importo portato in detrazione per le spese di recupero del patrimonio edilizio.